Leggi le ultimissime:

Le novità che riguardano WhatsApp sono innumerevoli ed il team di sviluppatori continua a lavorare incessantemente per implementare le funzionalità già presenti e per aggiungerne altre nuove e mai viste prima in applicazioni simili a WhatsApp.

WhatsApp-logo-15

Una novità degna di nota che è bene analizzare è la possibilità di chiamare con WhatsApp, ovvero di effettuare telefonate direttamente dalla popolare applicazione per la messaggistica istantanea, ormai utilizzata da milioni di persone per comunicare con amici e parenti.

Dopo una fase sperimentale, in cui solo pochi utenti hanno avuto la possibilità di chiamare con WhatsApp, la funzionalità è stata poi rilasciata per tutti gli utenti e puoi provare anche tu ad eseguire alcune WhatsApp chiamate.

In poche parole, chiamare con WhatsApp è una disponibilità già attiva sulle ultime versioni di WhatsApp, ma deve essere attivata secondo alcune fasi specifiche. Esiste la possibilità di abilitare le chiamate vocali di WhatsApp, ma ti ricordiamo che hai bisogno di:

  • Permessi di root.

  • Ultima versione di WhatsApp.

  • Emulatore terminale per Android, ad esempio Terminal Emulator.

Tutto quello che devi fare è essere certo di aver aggiornato all’ultima versione dell’applicazione per la messaggistica istantanea. Avvia l’emulatore terminale del tuo smartphone e digita prima “su”, poi premi Invio. A questo punto digitaam start -n com.whatsapp/com.whatsapp.HomeActivity” e continua premendo nuovamente Invio.

E’ necessario ricordare che per effettuare le WhatsApp chiamate non è sufficiente che tu abbia la funzione per chiamare con WhatsApp attiva, ma anche i contatti contatti con cui vuoi comunicare devono avere questa opzione attiva.

Ad ogni riavvio del tuo dispositivo devi eseguire nuovamente la procedura per attivare le WhatsApp chiamate.

Al momento sembra che la versione definitiva non possa essere ancora rilasciata a causa di un problema relativo all’eliminazione del rumore che si verrebbe a creare con l’accesso a più microfoni.

Il team di sviluppatori di WhatsApp ha il desiderio di far funzionare il servizio correttamente e in ogni luogo, anche nella località in cui manca la copertura e nei paesi di sviluppo, ma questo sembra essere proprio il problema più grande, che sta rallentando la fase di rilascio definitivo.

Con l’aggiunta della possibilità di chiamare con WhatsApp la più famosa applicazione per la messaggistica istantanea si trasforma in un applicativo Voip, pronto a fare grande concorrenza a Skype, che attualmente è lo strumento Voip più utilizzato.

Oltre a Skype, anche gli operatori telefonici devono iniziare a prendere delle decisioni importanti perchè, dopo aver ridotto al minimo l’invio di sms a pagamento, le WhatsApp chiamate si preparano a ridurre al minimo anche il traffico telefonico tradizionale.

Il popolo del web sta impazzendo in queste ore alla ricerca del file piu’ ambito e proibito. Sto parlando del Sextape Belen, il video amatoriale di cui tutti parlano e che tutti vogliono vedere. La sensualissima Belen Rodriguez è finita in rete ed è la protagonista di un video porno della durata di oltre 20 minuti in cui l’argentina si concede completamente ad un suo ex fidanzato. Il sextape Belen Rodriguez è il piu’ cliccato ovunque ma anche il piu’ censurato. Infatti il filmato hot viene puntualmente oscurato sui principali canali di condivisione media video come megavideo, megupload, vimeo, torrent, emule. Il video dello scandalo hard è stato visto ormai da milioni di persone, centinaia sono i commenti degli internauti che segnalano link con copie del video funzionante, ma sarà ancora il piu’ cliccato nei prossimi mesi per la gioia dei curiosi del sextape Belen. Intanto il popolo della rete si divide fra quelli che si sono innamorati della soubrette, quelli disperati che non trovano il video, quelli offesi che si sono messi ad offenderla su Facebook e chi piu’ ne ha piu’ ne metta perchè non c’è nulla che fa piu’ notizia del…. pettegolezzo.

Guarda anche: Belen Rodriguez video Hard

Ex parlamentare denuncia Google, ennesima figuraccia all’italiana

Un ex senatore della Lega ha fatto causa a Google perchè tra i risultati di ricerca appaiono dei risultati che rimandano ad articoli datati 1993 in cui si parla di un reato da lui commesso ma di cui fu assolto successivamente nel 1996 poichè “il fatto non sussiste”. Questo politico si è sentito particolarmente toccato […]

Resoconto del mio Test al concorso per SEO Webmaster “Instantempo”

Il 20 Ottobre 2010 ho scritto qui su TuttoGeek un articolo riguardante una gara per Webmaster, in cui bisognava indicizzare nei principali motori di ricerca il proprio sito web con la parola chiave “instantempo”. Come avevo accennato, dopo appena 5 giorni di indicizzazione il sito era stabilmente presente nella seconda pagina di ricerca in Google, […]

Eliminare limite dei 72 minuti di Megavideo

Quante volte stiamo guardando un video su Megavideo, e all’improvviso ci compare la scritta “Hai guardato 72 minuti di video oggi. Aspetta 54 minuti o approfitta dell’uso illimitato di Megavideo”? Ovviamente per poter usare Megavideo in modo illimitato servirebbe un account premium al costo di 9.99 euro al mese. La grande novità è che possiamo […]

I miei primi 5 giorni del SEO-contest Italiano INSTANTEMPO

In questi giorni stò seguendo da vicino un contest molto particolare ed interessante che si stà svolgendo su Internet. Si tratta di un Seo-contest, ossia riuscire a posizionare un sito web in prima posizione sui motori di ricerca. Il 15 Ottobre 2010, sul forum Giorgiotave, è stato lanciato il messaggio da suo amministratore alle ore […]