Leggi le ultimissime:

In questi giorni stò seguendo da vicino un contest molto particolare ed interessante che si stà svolgendo su Internet. Si tratta di un Seo-contest, ossia riuscire a posizionare un sito web in prima posizione sui motori di ricerca. Il 15 Ottobre 2010, sul forum Giorgiotave, è stato lanciato il messaggio da suo amministratore alle ore 15:00, obiettivo del concorso è posizionare un sito web al primo posto su Google.it per la keyword “INSTANTEMPO. Le regole? Non ci sono regole!!! 🙂

Naturalmente la parola Instantempo non esisteva fino a qualche giorno, ne era mai stata pronunciata da nessuno, ma adesso è diventato un vero e proprio neologismo e la cache di google incrementa di ora in ora sempre piu’ i siti web che presentano al loro interno la keyword del concorso.

La prima cosa che hanno fatto alcuni webmaster è stata quella di registrare un nuovo dominio con all’interno la parola “instantempo”. Nel giro di pochi minuti erano già stati prenotati i domini con le principali estensioni: .com .net .org .it ecc… cosi’ come già in pochi minuti, cercando su google la key “instantempo”, si incominciavano a vedere i primi risultati nelle ricerche. Questo dimostra tutta la potenza di Google, non a caso il motore di ricerca numero uno al mondo. La cosa curiosa è che anche se i risultati erano pochi, Google mostrava risultati anche per parole simili, mentre sugli altri MDR come Bing e Yahoo, i risultati della ricerca erano zero! Il primo dominio ad essere stato indicizzato su Google per la parola instantempo è stato Friendfeed, noto sito di condivisione online, dopo appena 15 minuti, mentre il primo sito ex-novo ad essere stato indicizzato è stato instantempo.org, dopo appena un’ora dall’inizio del SEO-contest.

Ho saputo casualmente dell’inizio del contest solo 2 ore dopo l’avvio e cosi’ alle 17:00 mi sono messo in gioco anche io con una mia strategia molto semplice che posso spiegare tranquillamente qui di seguito. Ho scritto un articolo all’interno di  un blog relativamente nuovo che stò gestendo personalmente, inserendo come titolo solo la parola “instantempo”, scrivendo poco testo nell’articolo, ripetendo un paio di volte la keyword in grassetto ed inserendola anche all’interno dell’attributo title di una delle dieci immagini inserite al suo interno. Un’altra cosa che ho fatto è modificare la data della pubblicazione dell’articolo al giorno prima, l’idea era quella di far credere a google che il mio articolo fosse precedente, cronologicamente parlando, rispetto a tutti gli altri pubblicati fino a quel momento. La pubblicazione avviene verso le 17:30 circa. Dopo neanche 3 minuti il mio articolo è già indicizzato su Google.it e si inserisce subito in prima posizione nella seconda pagina dei risultati di ricerca. Dopo pochi minuti decido di segnalare l’indirizzo del mio articolo sul forum di Giorgiotave nella discussione del censimento e sul forum di Alverde, nella sezione posizionamento nei motori di ricerca. Dopo qualche ora, i concorrenti in gioco aumentano sempre di piu’ e il mio articolo si assesta tra la 14a e la 19a posizione. Ogni ora i risultati di ricerca cambiano, alcuni siti salgono, altri scendono, altri si piazzano nelle prime posizioni e spariscono magicamente nel giro di poco tempo. La cosa strana che ho notato riguardo al mio articolo è che, come ho detto prima, spesso si trova tra la 14a e la 18a posizione mentre altre volte non compare affatto nella ricerca, per poi ricomparire magicamente poco dopo. Leggi pure il mio articolo sull’ instantempo! Lo hanno fatto anche alcuni concorrenti del concorso che mi hanno lasciato dei messaggi nello spazio dedicato ai commenti. Oltre a tutto questo, ho inserito un link verso quell’articolo da un mio sito web storico il 18 Ottobre, e un’altro link su un’altro mio sito con un buon trust il 19 ottobre, giusto per vedere che cambiamento può esserci con due link abbastanza pesanti.

In questo instante, il mio articolo su ioUPPO, per la keyword “instantempo” si trova in 19a posizione su Google.it, in 3a posizione su Bing.com, mentre su Yahoo.it è solamente in 65a posizione.

La pretesa non è certo quella di vincere ma solo quella di testare le potenzialità che ho in possesso contro gli altri webmaster in gioco, che al momento attuale sembrano veramente agguerriti.

Nel frattempo ho fatto anche un’altro test. Ho utilizzato un dominio che tempo fa è stato penalizzato da Google poichè lo utilizzavo per annotarmi articoli di altri siti web e quindi generava unicamente contenuti duplicati. Il pagerank del sito è stato azzerato e penalizzato in molte ricerche, ma non è stato bannato. Nel mio test ho preso un articolo a caso su un blog a caso in lingua inglese. Ho preso tutto il testo e l’ho fatto tradurre da Google Translator in Italiano, creando del testo unico ma dalla grammatica maccheronica, inserendo spesso la parola Instantempo al suo interno. Cercando su Google.it questo articolo non appare mai, eppure ho notato con grande sorpresa che se si effettua la ricerca “blog” su Google, l’articolo si trova tra i primi cinque ed è stato per qualche tempo in seconda posizione. Su yahoo in questo momento è solo 89esimo mentre su Bing, udite udite, è in decima posizione! Questo è il segnale che Google è avanti anni luce rispetto ai suoi concorrenti.

Il mio test non prevede ulteriori azioni da parte mia, staremo a vedere quale sarà il posizionamento finale di questi miei tre test al termine del Seo-contest instantempo che terminerà il 6 dicembre 2010 alle ore 12:00.

Vi terrò aggiornati 🙂



  1. Fabio DLF 22 ottobre 2010

    Interessante, molto interessante il risultato ottenuto con l’articolo “instantempo”.
    Particolare soprattutto l’ottima posizione ottenuta con un testo breve e una keyword ripetuta oltre il 5% “consigliato” per evitare l’over optimization.

    Saluti e buona continuazione!

  2. Hanni 28 febbraio 2011

    Interessante, molto interessante il risultato ottenuto con l’articolo “instantempo”.Particolare soprattutto l’ottima posizione ottenuta con un testo breve e una keyword ripetuta oltre il 5% “consigliato” per evitare l’over optimization.
    +1


You must be logged in to post a comment.