Leggi le ultimissime:

Wikipedia è per definizione “L’enciclopedia libera” online, scritta e gestita da milioni di volontari in tutto il mondo.

Sebbene ci siano molte cose da contestare a questo sito web, a partire dalle innumerevoli pagine copiate e leggermente modificate da altri siti web e la gran quantità di errori e imprecisioni al suo interno, (a detta di alcuni, la peggior enciclopedia mai redatta, ma la piu’ letta) vorrei mettere in risalto un aspetto tecnico fondamentale che determina oggi la supremazia di Wikipedia su Internet: “il ricevere senza dare”.Wikipedia

Non si tratta di un errore, Wikipedia Riceve Tanto, Dando il Minimo, è un dato di fatto. Se mi segui con attenzione capirai il filo logico del suo successo ottenuto in maniera non del tutto onesta.

Wikipedia offre ai suoi utenti il minimo, ossia nozioni standardizzate che le persone vogliono condividere tra loro. Dunque per offirle deve riceverle dai volontari. Puo’ offrire solo se riceve.

Se hai un sito o un blog magari ti sarà capitato di inserire nei tuoi testi qualche termine specifico che non hai avuto tempo di approfondire, e per semplicità hai linkato quella parola alla relativa pagina di Wiki, per spiegare al tuo lettore di cosa stai parlando. E’ una pratica ricorrente in tutto il mondo e Wikipedia è linkato da una quantità inimmaginabile di siti web.

Cosa c’entra il discorso dei link? Per chi non lo sapesse, i motori di ricerca inseriscono alle prime posizioni di ogni ricerca effettuata, i siti web che soddisfano certi requisiti e tra questi il piu’ importante è appunto il ricevere link da siti web esterni. Ecco perchè quando cerchiamo qualcosa in Google, spesso e volentieri ci ritroviamo tra i risultati proprio l’enciclopedia libera. D’altro canto, anche Wikipedia linka altri siti web esterni quando vuole citare una fonte esterna o una risorsa attinente alla voce discussa, ma lo fà con una tecnica scorretta che annulla di fatto ogni beneficio a qualsiasi link esterno. I piu’ esperti sanno di cosa stò parlando, ossia del “REL NOFOLLOW”. In parole semplici, Wikipedia, tramite quel comando, ordina ai motori di ricerca di ignorare ogni link esterno e di accettare tutti i link in ingresso. Ecco perchè Riceve senza Dare. Riceve popolarità dai siti web di mezzo mondo, ma non passa un bricciolo del suo flusso a nessuno, tenendoselo stretto per se. Ed ecco spiegato come fa ad essere sempre tra le prime posizioni nei risultati di ricerca, a discapito di altri siti web, magari piu’ completi ed interessanti, ma che di fatto sono tagliati fuori già in partenza.

La politica nascosta di Wikipedia è quella di tagliare le gambe in modo silente ai siti web da cui riceve le notizie, in modo tale da essere una figura predominante nello scenario Internazionale e  continuare a ricevere donazioni per milioni di dollari, soldi che forse sarebbero potuti entrare nelle tasche di chi nel web ci lavora in maniera differente, di chi non copia le notizie da altri siti, di chi non usa tecniche per danneggiare la concorrenza, di chi non lascia il proprio sito incompleto e con molti errori, di chi non vuole censurare le idee della gente, di chi vorrebbe portare a casa uno stipendio lavorando in maniera corretta e leale.

Ora vorrei concludere ponendo alla tua attenzione un’altra sfaccettatura di Wikipedia, l’impossibilità di modificare la maggior parti delle voci legati alla politica e all’ideologia. Provaci! Non ci sei riuscito, vero? Ti sembra libertà questa?



  1. Kiloblaster 24 marzo 2010

    Altro bell’articolo e un ottimo spunto per riflettere… e pensare che molti ritengono Wikipedia un “gigante buono”… defacing may be a solution? 😉

  2. gekko 26 marzo 2010

    Ciao Kiloblaster, si il defacing è una soluzione… ma sarebbe un’azione troppo ignobile! Il web è fatto per creare, non per distruggere. La giustizia divina arriverà solo quando Google e gli altri motori di ricerca “chiuderanno i rubinetti” a Wikipedia. Secondo me, anche in un futuro non troppo lontano, questo accadrà 😉

  3. Andrea 26 novembre 2011

    Non sono un esperto in materia , ma appena letto questo interessante articolo mi è subito venuta l’idea del perchè Wikipedia si comporti così. Se ad ogni link “da” Wikipedia si riversasse automaticamente del ‘rankong’ verso il sito ricevente, immediatamente si scatenerebbe una guerra tra gli utenti del web (anche) per auto-inviarsi link al proprio sito preferito. Magari (e soprattutto) verso siti che con la voce relativa di Wikipedia non hanno nulla a che fare. Chi non ha un proprio sito e/o un blog oggi? Mi pare che di azioni di disturbo in malafede ed errori per disattenzione Wikipedia sia già abbastanza piena….


You must be logged in to post a comment.